Scrivendo il titolo mi sono resa conto, che anche, no, questo articolo non è valido solo per chi non ha più vent’anni. Siccome siamo ormai assuefatti alla visione sui media solamente di ragazze piuttosto giovani che indossano e mostrano outfit da capogiro, ho pensato di dare voce anche a chi, come me, non ha 20 anni ma si veste, o vuole essere fashion.

Ecco dunque alcuni errori da evitare quando vi vestite se non avete più vent’anni. Questo perché per chi ha 20 anni vi è indulgenza verso gli errori nel vestire che si possono fare, e perché sì, dal mio punto di vista a 20 anni tutto è concesso in fatto di abbigliamento. Ma quando si cresce, NO, bisogna impareare a non commettere più certi errori grossolani.

NON SEGUITE IN MODO OSSESSIVO LE MODE

Quando hai 30 anni hai una consapevolezza diversa del tuo corpo e dei tuoi gusti. Hai, nella maggior parte dei casi, individuato un tuo stile, un tuo must-have, una tua “divisa”, se così la possiamo chiamare.

Ecco, siate coerenti.

Se vi sentite a vostro agio con un abito, inutile snaturarsi e indossare salopette solo perché vanno di moda. Non gioverà né a voi, che vi sentirete a disagio, né a chi vi guarda, che percepirà questa “discrasia” tra essere ed apparire. Io, ad esempio, mi sento molto a mio agio con abiti dal taglio pulito e probabilmente risulterei “stonata” se andassi in giro, per seguire le tendenze, vestita da hippy. Ecco, non snaturate il vostro stile.

Il FIT E’ IMPORTANTE: GLI ABITI DEVONO VESTIRE “GIUSTO”

Quando avete 20 anni anche se gli abiti o i pantaloni non vi calzano a pennello nessuno solleverà un sopracciglio. Quando avete 30 anni se avete i pantaloni o la giacca che tirano, vi fanno le pieghe o vi fanno difetto, no.

Cercate e comprate solamente i capi che vi stanno davvero bene addosso, oppure fateveli aggiustare da una sarta o dalla mamma. Non vi è niente di peggio di un bell’abito che però veste male.

GLI ABITI DA LAVORO…

Probabilmente a 30-35 anni avete raggiunto dei traguardi lavorativi superiori rispetto a quando avevate 20 anni. Allora anche sul lavoro il vostro guardaroba deve leggermente adattarsi, senza snaturarsi. Evitate di andare in ufficio in Havaianas e canottierina, a meno che il vostro ufficio non sia la spiaggia.

SCEGLIETE LA QUALITÀ

A mano a mano che si cresce, anche le disponibilità economiche in teoria cambiano. Se amate le giacche, compratene una quantità minore a favore di una di tessuto e fit migliore.

Inutile avere 20 giacche low cost che vestono così e così, perché più si cresce più i difetti si vedono (per tornare al punto 2). Crescendo io stessa ho imparato ad apprezzare la qualità a scapito della quantità: meglio un cappotto in cashmere che 3 di “cartone”: la differenza, credetemi, si vede.

 OSATE CON GUSTO

Solo perché avete superato gli -enti non significa che non possiate osare qualche mise o qualche dettaglio più fashion. Sempre facendo attenzione al buon gusto e, soprattutto, alla vostra personalità. Cercate di essere sempre comfortable in your dress anche quando provate una nuance di colore per voi inedita o un paio di occhiali diversi dal solito.

0
sandali fashion bloggers