1504 Views |  Like

Sandali bassi con le fasce, come indossarli per l’estate 2017

Come indossare il sandalo basso, ossia una delle tendenze più fresche della primavera/estate 2017, senza che la figura si accorci o risulti poco armoniosa? Da sempre amati e riproposti dagli stilisti stagione dopo stagione, i sandali bassi sono indiscutibilmente un must sempiterno dell’estate, e si ritrovano quindi anche quest’anno sebbene in un’accezione più (letteralmente) spartana.

Sandali bassi con le fasce e fibbie: i trend per l’estate 2017

Per l’estate 2017 infatti i sandali bassi non vengono indossati sia di giorno che di notte, quasi in qualsiasi occasione, ma anche decorati da fasce ampie e minimal, oppure da lacci alti alla schiava sempre d’ispirazione greca.

Sandalo infradito Le Walterine, 65 euro Walter Calzature

Essendo i sandali bassi con fascia spesso fonte di dubbi per quanto riguarda gli abbinamenti e i “bilanciamenti”, abbiamo pensato a un vademecum di piccoli consigli di stile su come poterli indossare al meglio, valorizzandosi al 100%.

Sandalo basso con fascetta in pelle, 49,95 € su Zara 

Sandali bassi: con cosa indossarli?

Fondamentalmente, gli abbinamenti possibili per i sandali bassi, con o senza fasce e fibbie, sono pressoché infiniti.

Ci sono però tre specifici outfit che, proprio con i sandali bassi, possono dare il proprio meglio. Innanzitutto, abbiamo i tailleur a pantaloni, che dal contrasto con un paio di sandali con fibbie minimal e spartani traggono assoluto giovamento.

Sandalo basso dorato, 19,95 € su Zara

In secondo luogo, invece, troviamo la classica combinazione data da vestitino più sandali, anche se qui possiamo già accennare a un don’t spesso sottovalutato.

Se temete che un sandalo basso, magari con un accenno di lacci alla schiava, possa mozzarvi eccessivamente la figura, allora vi consigliamo di optare per un vestito estivo dalla lunghezza midi, ancor meglio se drappeggiato o dal taglio a portafoglio: l’effetto ottico dato da questa combinazione vi slancerà in un battito di ciglia!

Sandalo Le Walterine, con tomaia in pelle laminata e glitter, 65 euro Walter Calzature

In ultimo, non possiamo che consigliarvi di osare con un outfit loungewear super elegante da rifinire proprio con un paio di sandali bassi dalla fibbia super larga, magari adornata da applicazioni in (eco) pelliccia: l’effetto finale sarà estremamente elegante e super in linea con le tendenze p/e 2017!

Sandali bassi: i dos

Sandalo basso in pelle con dettagli piumati, 49,95 € su Zara

Abbinamenti a parte, ci sono dei dos e don’ts  che è meglio tenere in conto quando si vuole completare il proprio look con un paio di sandali bassi.  Per quanto riguarda i dos, il primo imprescindibile è: lasciate che i vostri sandali bassi siano in bella mostra. Se coperti da una maxi gonna lunghissima, che magari strascica per terra, i vostri sandali risulteranno infatti invisibili e perderanno di tutto il loro fascino, soprattutto se muniti di una fibbia particolarmente decorata o meritevole di attenzione.Sandalo con fascia Le Walterine con tomaia in pelle o camoscio e fondo gomma. 65 euro Walter Calzature.

Di conseguenza, il secondo do è dato dalla pedicure, che sarà ugualmente in bella mostra e necessariamente curata. Con questo non voliamo dire che o si passa da un estetista prima o è meglio non indossare i sandali, bensì che uno dei dos essenziali è quello di coccolare i vostri piedi (anche al minimo), prima di finire il look con un paio di sandali bassi.

Sandali bassi: i don’ts

Per quanto riguarda i dont’s, invece, i consigli sono prettamente tecnici/anatomici. Se temete particolarmente che la vostra silhouette risalti poco, sia mozzata o non valorizzata, allora meglio puntare su sandali bassi con il minor numero di fasce/lacci che tagliano orizzontalmente sia il piede che la caviglia, altrimenti le vostre gambe potrebbero risultare più corte per colpa di un ben poco simpatico effetto ottico.

Sandalo basso in pelle, con fibbie larghe, 39,99 € su Zara 

Un altro don’t, ahinoi, spesso sottovalutato è quello dei materiali: se vivete in una zona particolarmente afosa e polverosa (come una grande città), evitate categoricamente i sandali bassi in materiali plastici, onde evitare di ritrovarvi impeccabilmente vestite ma con i piedi sudatissimi. Se già in linea di massima è meglio investire nella qualità quando si tratta di capi must, quando si  tratta di scarpe questa regola vale doppio, perché una scarpa di bassa qualità, che ci fa camminare male e sudare ogni giorno, apporta a conseguenze negative non solo estetiche ma anche di salute.

0