1938 Views |  Like

Stirare? Facile con l’alta pressione!

Il tempo che molte donne hanno a disposizione per la cura della casa è sempre più limitato, e per stirare, spesso oltre al tempo manca anche la voglia. Personalmente cerco di stirare il meno possibile, e infatti una signora si occupa per noi di stirare le nostre cose.

Ma cosa succede quando la signora Anna non riesce a stirarci le cose perché ammalata? Succede che cerco di accumulare il più possibile le cose lavate ma succede anche che ti serve quella camicia, quell’abito o quel paio di pantaloni perché, nonostante un armadio pieno di vestiti, non hai altro da mettere.

Ecco allora che arriva anche per me il fatidico- momento per cui dover attaccare il ferro da stiro alla presa della corrente, aprire la tavola da stiro, e mettermi. Da quando vivo da sola ho sempre utilizzato un ferro da stiro a caldaia, perché facilita notevolmente il lavoro di stiratura e consente di stirare in modo rapido ed efficiente.

QUANTI FERRI DA STIRO ESISTONO IN COMMERCIO?

Grazie a Rowenta ho imparato che in vendita si trovano generalmente tre tipi di ferro da stiro:

– il classico ferro da stiro, con serbatoio d’acqua integrato e un’emissione di vapore limitata (cosa che rende decisamente più impegnativa la stiratura di pieghe, ad esempio);

ferro da stiro a caldaia, che, come dice la parola stessa, ha una caldaia separata dal corpo del ferro e ha una pressione del vapore maggiore, (quello che ho usato in questi anni); la caldaia convoglia solamente acqua al ferro da stiro e da lì si forma poi il vapore per la stiratura;

ferro da stiro ad alta pressione, che, come dice la parola stessa, grazie alla pressione maggiore consente di stirare in modo più veloce ed efficace. In questo ultimo caso dalla caldaia arriva al ferro da stiro direttamente il vapore, che viene così “sparato” ad una potenza maggiore.

La differenza nella stiratura è davvero notevole: il vapore è pressurizzato e quindi arriva al capo che stirate ad una potenza maggiore, penetrando nelle fibre e facilitando notevolmente lo stiro. Naturalmente nel mio test ho privilegiato la stiratura di tessuti pesanti e solitamente “duri” come i jeans e devo dire che ho impiegato sicuramente metà del tempo e della fatica.

TRUCCHETTI PER RICONOSCERE UN VERO FERRO DA STIRO A CALDAIA E NON LASCIARSI FREGARE!

Forte della mia esperienza con il Silence Steam di Rowenta (leggero, silenzioso fino a 5 volte rispetto ad una caldaia classica e si scalda in 2 minuti) posso indicarvi alcuni trucchetti per distinguere, al momento dell’acquisto, sia online che offline, un vero ferro da stiro a caldaia ad alta pressione da uno solamente a caldaia:

– Un vero ferro a caldaia ha una caldaia che richiede un minimo volume e peso. Fate attenzione ai prodotti che pesano meno di 3 kg e molto più piccoli della media, poiché non hanno la caldaia.

– Quando non c’è la caldaia i bar indicano la pressione della pompa dell’acqua e non alla pressione del vapore che arriva direttamente dal ferro da stiro. Fare attenzione a questo dato (i BAR) e chiedete nello specifico ai commessi se quei bar indicano la pressione della pompa dell’acqua o del vapore.

– I ferri a caldaia hanno un accesso diretto alla caldaia per la manutenzione del calcare. Un vero ferro a caldaia ha un tappo laterale visibile, lo potete vedere nella foto sotto, (codificato come raccoglitore di calcare, risciacquo del calcare …); inoltre se nelle istruzioni e descrizioni del ferro trovate l’indicazione “cartuccia anticalcare” ecco che avete scoperto rapidamente che avete a che fare con un ferro a caldaia e non un ferro a caldaia ad alta pressione.rowenta ferri da stiro rowenta ferri da stiro

Articolo realizzato in collaborazione con Rowenta

Sponsored by BuzzParadise

0
sandali fashion bloggers

Tags

#rowenta