1757 Views |  Like

Vita da mamma: ecco perché io ho scelto il Bugaboo Cameleon 3 Classic+ Collection

Ormai Lavinia Giulia ha compiuto 4 mesi e sono 4 mesi che alla nostra vita sociale e famigliare si è aggiunto un nuovo membro della famiglia: il Bugaboo Cameleon³ Classic+ Collection. Perché quando si ha un bambino piccolo non si viaggia più solo in 3 (o 4 o 5 a seconda di quanti figli abbiate) ma nel conteggio di spazio e posto auto si deve sempre contemplare anche il passeggino o la carrozzina.

Ho pensato di lasciar passare del tempo, vivere esperienze diverse e situazioni e ambienti diversi prima di raccontarvi la mia personale esperienza come “portatrice di carrozzina e passeggino” e condividere le mie impressioni.

Chi mi segue sui social e in particolare su Instagram e Snapchat (mi trovate su entrambi come elenaschiavon) avrà già avuto modo di vedere che per la scelta della carrozzina la nostra scelta è ricaduta su Bugaboo. In particolare sul Bugaboo Cameleon³³ Classic+ Collection nella versione in grigio con interni avorio, una riedizione del Cameleon lanciata proprio quest’anno.

Il primo motivo per cui abbiamo scelto questo particolare trio di Bugaboo è estetico: è senza dubbio il più bello che ci sia in giro da un punto di vista estetico.

13662199_1132280503514086_1044835386217222875_o

Come sapete molte delle mie scelte sono segnate da due direttrici principali: l’estetica e la funzionalità. Quando compro qualcosa voglio che sia bello e piacevole da vedere e che sia funzionale: la leva del prezzo è secondaria, perché preferisco avere meno ma di migliore qualità piuttosto che tanto ma di qualità inferiore. E questo è il principio con cui ci siamo orientati fin da subito verso Bugaboo.

A dirla tutta il primo a volere fortissimamente fin da subito un Bugaboo è stato il papà che, avendo lavorato con Radio DeeJay per la DJ Ten di Milano, aveva incontrato per la prima volta Bugaboo come sponsor dell’evento e ne era rimasto colpito; essendo molto alto lo aveva trovato perfetto anche per lui, per non dare l’impressione di passeggiare con la carrozzina delle bambole. E infatti, anche nel suo caso vi è un’armonia di proporzioni tra papà e carrozzina che non guasta 😉

Il secondo motivo per cui abbiamo scelto Bugaboo è per le ottime recensioni e commenti che ho ricevuto da mamme e conoscenti quando ho lanciato sui miei social “the big question”: che passeggino devo comprare?

13260272_10153837319779331_1634016566912479767_n

Ho notato che chi ha usato un Bugaboo non tornerebbe mai indietro e la indubbia qualità del prodotto fa delle e dei clienti non dei consumatori ma dei veri e propri evangelist del prodotto. E se una persona è disposta a spendere e autenticamente consigliare un prodotto con tale entusiasmo significa che probabilmente l’investimento vale la spesa.

E qui tocchiamo un tasto che per molte può sembrare dolente, ossia il prezzo: chi parla di Bugaboo spesso immediatamente mi pone come questione importante quella del prezzo, ma secondo me la cosa va vista da un punto di vista diverso.

Ossia: considerate che un Bugaboo lo userete praticamente per tutti i giorni per almeno tre anni di vita della creatura che più amate, e lo accompagnerà nelle fasi di sviluppo e crescita più delicate. Per questo quando lo abbiamo scelto abbiamo pensato al trio come un investimento da ammortizzare negli anni, che in primo luogo deve essere super confortevole per nostra figlia (se poi pensate che poi volete un altro figlio sicuramente potete riutilizzarlo se scegliete un colore unisex).

Vista da questa prospettiva la cosa cambia secondo me, e dopo aver sfogliato diverse riviste di settore vi assicuro che in fatto di prezzi non siamo molto al di sopra della media per un segmento di alta qualità, anzi.

Il terzo motivo per cui abbiamo scelto Bugaboo è il nostro stile di vita. Viaggiando molto e passando moltissimo tempo in estate e in inverno tra montagna e mare, volevamo un prodotto che si adattasse non solamente alle nostre scassatissime strade cittadine, ma anche a terreni sconnessi come sentieri e spiagge.

13925029_1139120456163424_672198582791312687_n

Forse avete visto su Instagram e Snapchat le mie escursioni in montagna con la carrozzina (ancora in modalità navicella): abbiamo anche partecipato alla Camminata della Valle Argentera (una camminata di circa 4 chilometri) spingendo la carrozzina e trasportandola sui sentieri e Lavinia Giulia ha dormito tutto il tempo. La mia performance le è valsa la coppa come partecipante più giovane all’evento 😉

Ma veniamo agli aspetti “tecnici” di questo “trio” (che poi non è un trio classico). Abbiamo scelto bugaboo cameleon³ classic+ collection, una versione aggiornata e nuovissima (uscita proprio quando è nata LG) del mitico frog uscito nel 2001.

Curiosità Il Bugaboo Cameleon ha, più di 15 anni fa, rivoluzionato il mercato del passeggino ed è ancora imbattibile per funzionalità, facilità d’utilizzo e qualità. E’ l’originale, il primo, a cui si sono poi ispirati tutti i competitor (non so se avete memoria dei passeggini di epoche precedenti). Ecco dove nasce la campagna The One, l’Originale.

Io ho scelto la versione Classic+ Collection in grey melange che oltre ad avere manubrio e maniglione in similpelle, è rifinito con una fodera trapuntata in micro-fibra color avorio nell’interno della cappottina estensibile, della navicella, del materassino e della coperta della navicella.

Alcune particolarità del Bugaboo Cameleon3  che mi hanno colpito appena preso e che poi ho apprezzato con l’uso:

  • il telaio, in alluminio, si può “girare”; questo consente di mettere le ruote davanti o dietro a seconda del terreno che si affronta. Con un terreno sconnesso è meglio che le ruote grandi siano davanti e quelle piccole dietro (questo ad esempio in montagna o in spiaggia), mentre per viaggiare su strada vanno bene le ruote piccole davanti.
  • Le ruote si possono posizionare a seconda del peso del bambino a diverse altezze per garantire una migliore amortizzazione dei movimenti e quindi maggiore comfort per il bambino.
  • Il freno non è a pedale ma è una leva come il freno a mano delle macchine, posto al lato sinistro del maniglione: questo è comodissimo per non dare scossoni al bimbo con il piede e soprattutto nel caso indossiate sandali o scarpe con il tacco.
  • il contenitore posto sotto il passeggino carrozzina è davvero capiente (vi ci sta la spesa o 12 bottiglie di Mellin 1 :P) e porta circa 4 chili di peso.
  • Il peso: nonostante l’apparenza, il Bugaboo completo (ruote, telaio, navicella, etc) pesa 9,6 kg: è il passeggino comfort più leggero della categoria;
  • Gli accessori: il passeggino è un po’ come una macchina, ed in effetti è per Lavinia Giulia la sua “carrozza”. Per l’estate abbiamo utilizzato l’assetto estivo con cappottina breezy con zanzariera e prese d’aria, ombrellino parasole, portabibite e copertina in cotone in coordinato. Tutto rosa, che con il grigio secondo me sta d’incanto. Devo dire che con gli accessori giusti (adesso sto ragionando sulla versione invernale) anche la vita della mamma viaggiatrice migliora notevolmente 🙂

14079791_1161088930633243_9040208677042557672_nSul sito potete configurare il passeggino a seconda di come lo preferite e comprarlo direttamente online.

Se cercate ispirazioni (o avete comprato un Cameleon) potete dare un’occhiata alla piattaforma dedicata al The One, “A spasso con il Bugaboo Cameleon“, per vedere tutte le testimonianze dirette di tutti i fan del Bugaboo Cameleon, a cui si puo’ contribuire usando sui social l’hashtag #BugabooTheOne. Ricordate infine di scaricare la app e registrare il vostro numero di serie, che trovate impresso sul telaio dalla parte delle ruote grandi.

3