I prebiotici per la skincare: cosa sono e come funzionano

- - Beauty

Avete già sentito parlare di prebiotici per la skincare? Se non lo avete ancora fatto, sappiate che probabilmente quello dei prebiotici per la cura della pelle è il “next big trend” per la cura della pelle.

Probabilmente avete già sentito parlare di probiotici e prebiotici nel mondo della nutrizione, ma per quanto riguarda la skincare…

Che cosa si intende per trattamenti prebiotici per la cura della pelle?

I probiotici sono i batteri “buoni”, che si trovano in cibi fermentati come yogurt greco e kombucha, che bilanciano e migliorano la salute dell’intestino e della pelle: e attenzione a non confonderli con i prebiotici, perché, è proprio il caso dei dirlo, in questo caso una lettera può fare la differenza.

Se i probiotici sono comunemente definiti “batteri buoni” i prebiotici – in parole povere – sono quel gruppo di carboidrati indigeribili presenti in una lunga lista di alimenti (carciofi, asparagi, banane, radice di cicoria, aglio, cipolle, alghe e cereali integrali) che sono molto ricchi di fibre e, i quanto indigeribili, vanno ad alimentare i probiotici. 

Ma cosa c’entra tutto questo con la skincare, come mai il settore della cosmetica si sta interessando ai prebiotici e tanti brand stanno creando dei prodotti specifici ai prebiotici? Io stessa da circa quattro mesi sto utilizzando un’essenza riequilibrante per la pelle ai pre-probiotici (o prebiotici) con cui mi trovo molto bene. 

Come funzionano i prebiotici per la pelle?

La pelle è ricoperta di un microbioma di organismi che la proteggono, la difendono dall’esterno e la mantengono intatta. I prebiotici “nutrono” questa barriera fatta di batteri buoni prevenendo la colonizzazione di agenti patogeni. Questo significa che un trattamento ai prebiotici fortifica e riarmonizza la pelle, soprattutto quando questa è stressata, irritata e indebolita (magari) da terapie farmacologiche e antibiotiche, ma anche sottoposta a situazioni di “stress” esterno come inquinamento, sole, vento e tutto quello che non rientra nella “normalità”.

Come si usano i prebiotici per la skincare?

Moltissimi brand stanno rilasciando prodotti con i prebiotici per cui li puoi trovare in parecchi trattamenti per il viso e la pelle: detergenti, creme riequilibranti, essenze lenitive…Io ad esempio ho provato il siero corpo illuminante di Naturalmila, che ho scoperto grazie alla beauty box Abiby.

A quali tipi di pelle è adatto un prebiotico?

I prebiotici sono presenti sul microbioma cutaneo di tutti, per cui un trattamento ai prebiotici si può dire adatto davvero a tutti i tipi di pelle; questo perché i trattamenti ai prebiotici aiutano a contrastare tante criticità della pelle: disidratazione, invecchiamento cutaneo, secchezza della pelle, impurità della pelle…Bisogna comunque sempre rivolgersi a professionisti nel caso di dubbio o nel caso di pelli con problematiche importanti o problemi di allergie (ma questo vale per ogni prodotto di skincare).

Articolo realizzato con la collaborazione di Abiby