La moda, l’estetica e il senso di Instagram nel lockdown

- - Fashion

Non solo Zara, ma anche Vogue (solo per citare un paio di casi eclatanti) hanno dovuto fare i conti con il lockdown e la necessità, al contempo, di riuscire a creare dei contenuti, dei lookbook, degli editoriali in un periodo molto complicato.

Così, eliminata la possibilità di scattare campagne e foto sui set tradizionali, anche loro si sono dovuti ingegnare e trovare delle soluzioni; e credo che questo “reinventarsi” abbia fatto bene non solo a loro, ma anche a noi tutte Instagram addicted. In questo periodo infatti, come rivela anche Bella Hadid su Vogue, molte modelle hanno scattato le foto per lookbook ed editoriali moda direttamente a casa loro, facendo tutto da sé: trucco, parrucco, scatto, guidate magari via FaceTime o Zoom da fotografi, stiylist e direttori di produzione. Un po’ come fanno molte di noi su Instagram 🙂

Per me è stata una piccola rivelazione: in questo periodo abbiamo avuto l’occasione di vedere davvero molte persone e personaggi “al naturale” e probabilmente da un punto di vista estetico, quel percorso per una “nuova estetica” anche sui social (cominciata già da un pezzo, ve ne avevo parlato qui) ha rassicurato molte di noi su una tendenza; la perfezione non interessa a nessuno perché non esiste, non ha più senso (e cerco di ribadirlo e ricordarlo sempre a me stessa). Quello che si cerca è e sarà sempre di più la verità: dietro le vite, dietro un profilo, dietro un editoriale.

Ci si interroga molto anche sul futuro di tutti noi come utenti ma anche come consumatori: questo periodo di sacrificio, di rinunce, porterà ad una nuova consapevolezza negli acquisti? Si tornerà davvero a ritmi più umani? Si tornerà davvero a prediligere la qualità, il tempo, l’attenzione a dispetto della velocità che consuma, dello spreco, dell’opulenza esagerata?

Adesso non resta che chiedersi se questa tendenza e questo nuovo corso diventerà parte di una nuova normalità, o se, ancora una volta, il sistema moda tornerà indietro per rinchiudersi nella sua torre d’Avorio.

Foto Zara | Vogue