I libri che ho letto durante la quarantena

- - Life

Spesso mi chiedete consigli sui libri da leggere, memori della mia impresa dello scorso anno di leggere un libro a settimana (qui invece trovi il post con tutti i libri letti nel 2019). Durante la quarantena non ho letto moltissimo, complice il tempo sempre troppo poco rispetto alle mille incombenze di ogni giorno, ma eccovi i titoli che sono comunque riuscita a terminare.

Il treno dei bambini (Viola Ardone)

Il libro racconta una storia per parlare di un fenomeno che ha riguardato moltissimi bambini nell’immediato dopoguerra, quando a causa della povertà molti bambini venivano affidate a famiglie benestanti del Nord. Molto emozionante, perché racconta anche il dilemma morale e affettivo che ha colpito molti di loro.

La Piccola Farmacia Letteraria (Elena Molini)

Un romanzo leggero, scorrevole, che nasce da una storia vera, quella di Elena Molini e della sua Farmacia Letterari a Firenze; il successo è dovuto ad una intuizione unica, che scoprirete leggendo il romanzo (o sapete già se conoscete la sua storia).

L’animale femmina (Emanuela Canepa)

Un romanzo coinvolgente, al femminile, che racconta una storia di scoperta e rivincita femminile. Dà speranza e una luce soprattutto quando (in periodi complicati come la quarantena) a noi donne sembra di non trovare una via.

Il filo rosso (Paola Barbato)

La Barbato ha una capacità incredibile di tenermi letteralmente incollata e con il fiato sospeso ad ogni suo libro. Per chi adora i thriller e i gialli con una importante componente psicologica.

Sociologia della moda

Un saggio veloce da leggere per comprendere i fondamenti di sociologia base della moda (che sono fondamentalmente distinzione e imitazione). Molto interessante per chi ama la moda ed è interessato a studiarla come fenomeno non solo di tendenza. Si trova anche da Feltrinelli.